Crea sito

PASSEGGIATA DI DOMENICA 21 MAGGIO

DOMENICA 21 MAGGIO 2017

proseguiremo, come da programma della

Settimana delle Culture, le nostre passeggiate.

Visiteremo, in questa occasione, l’antico

MERCATO DEL CAPO

Situato all’interno del quartiere Capo, l’antico Seracaldio, da sar-al qadi, il mercato è formato da un quadrivio di vie.

Da Porta Carini, l’ingresso principale, si va per Via Porta Carini, il cuore del mercato , per proseguire poi per Via Beati Paoli.

La leggenda dei Beati Paoli, ancora viva nella gente di Palermo e di questo quartiere in particolare, narra di una setta, che segretamente amministrava la giustizia, la quale sembra sia esistita tra il seicento e settecento (dai diari del Villabianca).

Famosa, andando per Vicolo degli Orfani (da Piazza Beati Paoli) è la Grotta Tribunale, di recente riscoperta, dove gli incappucciati di questa setta si riunivano per giudicare chi aveva perpetrato sorprusi nei confronti dei deboli e degli indifesi.

Quasi sempre la sentenza era la morte.

Da Piazza Beati Paoli, sede dell’antico macello, il mercato prosegue poi con Via Cappuccinelle da un lato e Via Sant’Agostino dall’altro, strade dove, ancora oggi, troviamo i “vistita” e mille oggetti diversi, mantenendo così le caratteristiche del vero mercato popolare di una volta.

Tutto si trova in questa babele chiassosa e variopinta: frutta ed ortaggi, carne, spezie, pesce.

Di solito la merce proviene da luoghi vicini alla città, ma non è raro trovare, come accade anche negli altri mercati di Palermo, prodotti provenienti da altre parti del mondo che gli immigrati da paesi extraeuropei, perfettamente integrati in questa nostra città, che dell’accoglienza può farne motivo di orgoglio, propongono, spesso “abbannianno” anche loro, nell’uso locale.

Ma il mercato del Capo ha anche veri tesori architettonici, quale, per esempio, la Chiesa dell’Immacolata Concezione, una meraviglia di marmi che lascia a bocca aperta il visitatore.

Non dimentichiamo la piccola chiesa di S. Maruzza ai Canceddi, a Piazza Beati Paoli, anche questo luogo legato alla leggenda di questa setta, e in ultimo, ma non meno importante, la Chiesa di Sant’Agostino, nell’omonima via.

Saremo guidati dall’antropologo Carlo Di Franco, presidente de La Palermo dei Misteri.

.

APPUNTAMENTO ORE 10,00

a Porta Carini

(Via Volturno)

.

Quota di partecipazione:

Euro 2,00 a persona

.

Arrivederci a domenica 21 maggio !

…..

La Palermo dei Misteri

Associazione culturale

Tel.: 340 595 7407

E-mail: [email protected]

Sito: www.lapademi.altervista.org

PASSEGGIATA DI DOMENICA 14 MAGGIO

DOMENICA 14 MAGGIO 2017

in occasione della manifestazione

La Settimana delle Culture,

dal 12 al 23 maggio 2017,

l’associazione culturale

La Palermo dei Misteri

organizza una passeggiata al

MERCATO ARABO DI BALLARO’

Il mercato si trova nel cuore del quartiere dell’Albergheria

e si racconta che viene così chiamato

da Bahlara, nome di un antico villaggio situato

vicino Monreale, dove vivevano i mercanti arabi,

che portavano le loro mercanzie in questo sito.

.

E’ luogo di particolare fascino che, ancora oggi, conserva

i colori e le voci di quello straordinario miscuglio

di usi  e parole arabe, ma anche di altri paesi,

che caratterizzano la gente di Sicilia,

ed i palermitani in particolare.

Vedremo le variopinte bancarelle, cariche di frutta 

e verdura freschissime, di pesce appena pescato,

ascolteremo i venditori che ci proporranno 

merce di tutti i tipi con la classica abbanniata;

un mercato, ancora oggi vivo, ricco di storie

e leggende ,che ci riporta indietro nel tempo.

.

In questa passeggiata, saremo guidati

dal prof. Carlo Di Franco, antropologo e

presidente de La Palermo dei Misteri

.

APPUNTAMENTO ORE 10,00

a Piazza della Vittoria

(dinanzi la Questura)

.

Quota di partecipazione:

Euro 2,00 a persona

.

Arrivederci a domenica 14 maggio !

…..

La Palermo dei Misteri

Associazione culturale

Tel.: 340 595 7407

E-mail: [email protected]

Sito: www.lapademi.altervista.org

VISITA DI DOMENICA 7 MAGGIO

DOMENICA 7 MAGGIO 2017

visita di

VILLA SAN MARCO a Santa Flavia

.

La villa venne edificata nel 1673 intorno ad una preesistente torre d’avvistamento del XVI secolo per il controllo delle piantagioni di cannamele (canna da zucchero). Progettista fu l’architetto Domenico Cirrincione, frate domenicano, incaricato da Vincenzo Giuseppe Filingeri, Conte di San Marco, Principe di Mirto e Grande di Spagna.

E’ un raro esempio di architettura civile di stile manierista, che fonde elementi militari (bastioni angolari, merli,ponte levatoio, alte mura di cinta), a caratteri tipici dell’architettura residenziale (scalone monumentale a doppia rampa, balconi, cappella). La cappella è, però, rifacimento dell’architetto Francesco Paolo Palazzolo nel 1906.

Da due portali monumentali si accede ai giardini recintati, denominati floretta e fruttiera,dove sono presenti alberi dalle dimensioni monumentali.

Durante la seconda guerra mondiale, lo scrittore Giuseppe Tomasi di Lampedusa, cugino dei filingeri per parte di madre, soggiornò in questa villa.

.

APPUNTAMENTO ORE 9,30

in Viale Regione Siciliana, al Baby Luna,

da dove proseguiremo con la propria auto

per Santa Flavia

.

INDISPENSABILE LA PRENOTAZIONE

al più presto possibile, preferibilmente

entro il 2 maggio, 

esclusivamente tramite e-mail, 

al seguente indirizzo:

[email protected]

.

La villa è proprietà privata e

per il nostro gruppo è previsto un

biglietto di ingresso di Euro 8,00 a persona.

.

Arrivederci a domenica 7 maggio!

***

La Palermo dei Misteri

Tel.: 340 595 7407

E-mail: [email protected]

Sito: www.lapademi.altervista.org